martedì 1 aprile 2008

125 - Harira ovvero zuppa maghrebina del Ramadan



Una zuppa consistente e nutriente, profumata e ricca, che si consuma soprattutto le sere di Ramadan dopo la giornata di digiuno, un pò in tutto il Maghreb, con variazioni...
Questa ricetta è marocchina, da una signora che cucina molto, ma molto bene!

Per 4 persone
350g di carne di manzo o agnello a dadini piccoli
1 cipolla media sminuzzata
1 costa di sedano sminuzzata
3 pomodori freschi a dadini
3 etti di favette fresche
3 etti di ceci ammollati e cotti
1 mazzetto di prezzemolo trittato
4 rametti di coriandolo fresco sminuzzato
1 cucchiaio da minestra di concentrato di pomodoro
1 cucchiaio da minestra rado di ras-el-hanut (mix di spezie per cuscus) oppure un mix di polveri: cannella-coriandolo-cumino-zafferano-paprika-curcuma-pepe nero (va bene 1/4 di cucchiaino di ognuna)
Olio evo
farina
200g di cappellini o vermicelli fini
sale
1 spicchio di limone a persona

Fare sudare la cipolla, il sedano, il prezzemolo e il coriandolo fresco in olio evo nella pentola di cottura.
Aggiungere la carne e farla insaporire per 10 minuti girando.
Aggiungere il pomodoro fresco e il concentrato, le favette, le spezie e il sale, e coprire il tutto con 2 litri di acqua.
Portare a bollore poi abbassare il fuoco a medio-basso e lasciare cuocere per circa 45 minuti avendo coperto la pentola.
Aggiungere i ceci cotti e una cucchiata abbondante di farina diluita nell'acqua (senza grumi), girando bene con la frusta per 5 minuti.
Aggiungere i cappellini o vermicelli e lasciarli cuocere nella zuppa.
Servire la zuppa, che deve essere vellutata ma non spessa, con uno spicchio di limone a persona da spremerci dentro a gusto.


1 commento:

dede ha detto...

http://www.flickr.com/photos/42424828@N00/sets/72157603299742442/show/
l'ho mangiata anche io una ottima Harira doc. A Torino, a casa di Saida.
ciau JM