lunedì 7 aprile 2008

152 - Concia di zucchine del ghetto di Roma



Una ricetta ebraica del Ghetto romano, di quelle solari e gustosissime.

Prendete delle belle zucchine con le costole (quelle estive, chiare, turgide e pelose con il fiore, non quelle che ci sono tutto l'anno e sembrano cetrioli).
Affettatele sottili sottili emettele ad asciugare su carta assorbente o telo pulito per un pò e friggetele in olio bollente. La quantità dipende della gente che mangia ma ricordatevi che riducono parecchio.
Quando sono fritte tutte, buttateci sopra un pochino di passata de pommodoro, aceto a piacere, mentuccia sminuzzata (o menta secca se la mentuccia non c'è), un pizzico d'origano e foglie di basilico, dei pinoli tostati in forno o in padella, dell'aglio sminuzzato, sale e pepe nero, e coprite con abbondante olio extra vergine buono. Piazzate sul tutto un peso per fare stre le zucchine a fondo e coperte bene dall'olio, e lasciatele macerare.
per al meno 12 ore in frigo.
Si mangia con pane abbondante e...aoh! è n'a lecccccccornia che te lecchi pur'er baffo (le donne s'arrangino...)



8 commenti:

Anonimo ha detto...

Infatti, io non ho i baffi ma mi lecco le labbra. Mi piacciono tantissimo queste zucchine, le farò quando nasceranno nel mio orto.

Dida

Jean-Michel ha detto...

Fammi sapere...

:)))

Simona ha detto...

Provte a sostituire i pinoli con un uovo sodo schiacciato con lo schiacciapatate

Jean-Michel ha detto...

Grazie, Simona, per questo consiglio interessante.
Ma da dove deriva questa versione con l'uovo?

Esther ha detto...

Buone!! Anche le melanzane: stesso procedimento.

Jean-Michel ha detto...

Mai provato con melanzane...
Devo farlo.
Grazie!

:)

artemisia comina ha detto...

versione napoletana con pinoli: ripassare le zucchine - quelle che sembrano cetrioli :)) - con olio d'oliva e aglio, aggiungere fuori dal fuoco pinoli, uvetta, capperi dissalati, acciughe dissalate, olive di gaeta, prezzemolo e basilico con manica larga. squisita se diventa la farcia di una pizza fatta con pasta farina, olio e vino bianco (metà e metà).

Jean-Michel ha detto...

Grazie Artemisia, pubblico la tu ricetta anche su Facebook...